AZIENDA AGRICOLA DE VESCOVI ULZBACH
TRENTINO – PIANA ROTALIANA

La storia che unisce i de Vescovi al Campo Rotaliano inizia nel 1641 quando, dalla Valle del Sole, Vigilio de Vescovi (da lui prende il nome il vino cru dell’azienda) scende a Mezzocorona lungo il corso del torrente Noce anticamente denominato Ulzbach. Dal 1708 si dedicano alla coltivazione ed alla produzione del Teroldego Rotaliano, indiscusso principe di questo territorio

Nel 2003 Giulio de Vescovi, forte di questo legame di terra e sangue, rilancia l’attività di famiglia dedicandosi totalmente al Teroldego ed ha tutto il merito di aver creduto nel suo sogno, costruendo una attività importante non tanto per i numeri, quanto per il livello qualitativo che è riuscito a raggiungere. Laureatosi in viticoltura ed enologia a Firenze, fa esperienza per poi tornare a Mezzocorona e con una gestione sempre più rispettosa del territorio, coltiva i suoi sei ettari, coccolando le vigne, a cui ha deciso di aggiungerne di nuove. Un’idea di Teroldego che ha sempre più riscontri sul mercato, con rese molto basse e qualità molto alta

Qualche anno più tardi sviluppa, in collaborazione con lo stimato enologo trentino Moser, il suo personale progetto viticolo, in Val di Non, zona nota per la coltivazione degli alberi di mele, da cui oggi ottiene vini bianchi di grande personalità

VINI

Sauvignon Blanc Dolomiti 2017 Bianco IGT
Colore giallo intenso con riflessi verdi
Al naso presenta un bouquet fruttato con aromi di ananas, mela matura e pesca
Il sapore è ricco e pieno, cremoso, con un’acidità morbida e un ampio palato connotato da sfumature fresche e minerali, rafforzato da una ottima acidità e grande verticalità
Abbinamenti: carni bianche e pollame, piatti leggermente speziati, formaggi freschi e cremosi, vellutate e asparagi. Ideale è l’abbinamento insalate di mare che contengano polipo e patate o seppie e sedano bianco

Empeiria GA Dolomiti 2016 Bianco IGT
Vitigni Sauvignon Blanc, Manzoni Bianco, Pinot Bianco
Al naso i varietali del Sauvignon s'arrampicano sulle burrosità, mentre il fiore di camomilla si stende sul finale, portandosi anche il frutto maturo e generi di pasticceria, tipo meringa
In bocca ha un attacco salato e ripido, poi una processione di contrappunti tra un palato nervoso e stretto e questa sincera carnosità che si disvela al crescere della temperatura
Abbinamenti: ottimo con pesce con marinatura e salmone affumicato o con carni bianche aromatizzate

Teroldego Rotaliano Kretzer 2017 Rosato DOC
Colore rosa corallo
Mantiene molte delle caratteristiche di intensità del rosso, unendo l’eleganza e la delicatezza alla struttura ed intensità olfattiva del Teroldego
Abbinamenti: ottimo come aperitivo o con pesci lavorati con una certa struttura come pesce spada alla siciliana

Teroldego Rotaliano Classico 2016 Rosso DOC
Colore rubino violaceo molto intenso
Al naso si apre inizialmente su note vinose, per poi diventare sempre più speziato e balsamico, pepe nero, menta e bacche di ginepro
Sottili note fruttate di prugna e mora aprono ad un assaggio in bocca corposo, strutturato e pieno. Il tannino è vivo e rende il sorso lungo e persistente con un finale sul frutto rosso
Abbinamenti: piatti a base di carne saporiti braciola di cervo con noci e purè

Vigilius Teroldego Rotaliano 2015 Rosso DOC
Colore rosso rubino scuro con riflessi granata
Al naso il bouquet è intenso, su note balsamiche e speziate che poi chiudono sui piccoli frutti rossi
In bocca si avverte una buona armonia, dove acidità, struttura e alcool riempiono il palato senza mai creare spigolosità. Finale lungo e fruttato
Abbinamenti: piatti di selvaggina succulenti, come ad esempio uno stufato di cinghiale con patate